08 March 1999

69° SALONE DI GINEVRA: ALFA 145 E 146

Rinnovare l'intera gamma Alfa Romeo senza dimenticare le tradizioni del marchio, ma sfruttandone, anzi, i punti di eccellenza come altrettanti "plus" da offrire al cliente. è questa la strada seguita da Fiat Auto per rilanciare immagine e prodotti del Biscione. Una scelta che si è rivelata vincente, se nel 1998 la Marca ha fatto registrare, in Europa, un incremento delle vendite del 38 per cento contro una crescita del mercato del 7 per cento circa.

Sono nate così le linee pulite e affascinanti di Alfa 145 e 146, della 156, di Alfa 166. E poi le soluzioni meccaniche sofisticate (dalle sospensioni a quadrilatero alto al cambio sequenziale, a quello automatico autoadattativo); i dispositivi elettronici d'avanguardia (controlli automatici della trazione, navigatori satellitari, cruise control, eccetera); i motori più avanzati oggi disponibili.

Come, ad esempio, i propulsori JTD a iniezione diretta, sviluppati dalla ricerca Fiat, presentati per la prima volta al mondo proprio sulle Alfa 156 e ormai riconosciuti da tutti come l'espressione più avanzata della tecnica dieselistica.

Oggi, Alfa Romeo continua a seguire, con coerenza, questa filosofia di sviluppo dei prodotti, che mira ad offrire ai clienti vetture caratterizzate da una sportività evoluta, fondata sull'eccellenza tecnica. E presenta, perciò, le nuove Alfa 145 e 146 dotate del propulsore turbodiesel ad iniezione diretta 1.9 JTD.

Il Gruppo Fiat ribadisce, così, la propria strategia che prevede la progressiva adozione di questo innovativo motore da parte di tutte le proprie Marche. E, dato ancora più rilevante, non lo riserva solo alle fasce di mercato più alte, delle quali è stato fin qui appannaggio, ma lo estende anche al segmento C. Non a caso le nuove Alfa 145 e 146 sono, insieme con le Fiat Bravo e Brava, le uniche vetture di questa categoria a disporre di un motore sviluppato sulla tecnologia "common rail".

I due modelli, dunque, beneficiano di tutti i vantaggi offerti da questo tipo di propulsori. Vale a dire prestazioni equiparabili a quelle di un motore a benzina e consumi ridotti a 5,7 l/100 km (percorso combinato).

Risultati resi possibili dall'adozione di una pressione di iniezione elevata e svincolata dalla velocità di rotazione del motore, dal controllo elettronico della stessa nei singoli iniettori e dall'iniezione pilota che, preriscaldando la camera di combustione, evita il picco di pressione e di conseguenza la rumorosità tipica dei motori diesel tradizionali ad iniezione diretta.

Con una potenza di 105 CV (77 kW) e una coppia di 26 kgm a 2000 giri/min il 1.9 JTD spinge l'Alfa 145 alla velocità massima di 185 km/h e le consente di accelerare da 0 a 100 in 10,4 secondi. Eccellenti anche le prestazioni dell'Alfa 146: 187 km/h la velocità massima, 10,5 i secondi necessari per accelerare da 0 a 100.

Il nuovo propulsore JTD sostituisce il precedente turbodiesel da 90 CV. Rimangono invariati, invece, i motori a benzina, che rispettano pienamente le caratteristiche di "sportività sicura" proprie della Marca. Si tratta dei brillanti propulsori Twin Spark a 16 valvole: il 1.4 da 103 CV (76 kW), il 1.6 da 120 CV (88 kW), il 1.8 da 144 CV (106 kW) e il 2.0 da 155 CV (114 kW).


La gamma '99

L'introduzione del nuovo motore turbodiesel a iniezione diretta ha offerto l'occasione non solo per un arricchimento dello stile e dei contenuti, ma anche per una razionalizzazione della gamma, che in questa edizione 1999 vede numerose altre novità.

Scompaiono le due serie speciali Junior, ma chi desidera dare alla propria vettura un tocco di grinta in più, può dotarla del "pack sport", disponibile come optional per tutte le versioni di Alfa 145 e Alfa 146 a partire dalla 1.4 allestimento Medio. Il "pack" comprende: lo spoiler posteriore, i cerchi in lega da 15" (prima montati sulle Junior) con pneumatici 195/55, i paraurti con profilo paracolpi nella stessa tinta della vettura, la minigonna aerodinamica. E per gli interni: sedili sportivi in tessuto Blitz, volante e pomello in pelle microforata con cuciture rosse, fascia della plancia in tessuto sportivo.

Chi, invece, sulla propria auto vuole accentuare le caratteristiche di comfort e di eleganza può scegliere il "pack lusso". Questo secondo "pack" è disponibile per tutte le Alfa 145 e 146 con allestimento L (non è previsto per i modelli con guida a destra) e offre: la consolle centrale della plancia in "cubic" mogano, il volante in pelle con cuciture nere come il pomello della leva del cambio, la selleria esclusiva in velluto grigio chiaro e il tappeto superiore dello stesso colore.

Crescono, dunque, le possibilità di personalizzare la vettura e cade il luogo comune che spesso identifica le cinque porte come versioni eleganti e le tre porte come più sportive. Grazie ai due pack, infatti, ogni cliente può scegliere di caratterizzare l'auto secondo i propri gusti.

Gli allestimenti della gamma '99 sono cinque. Due esclusivi di Alfa 145 2.0 Quadrifoglio e Alfa 146 2.0 ti, dalla personalità dichiaratamente sportiva. E altri tre (Base, Medio e Ricco) per i motori 1.4, 1.6, 1.8 e 1.9 JTD.

Ecco, dunque, come si articola l'offerta delle nuove Alfa 145 e 146:
  • Alfa 145 e 146 1.4 Twin Spark 16V (allestimento Base);
  • Alfa 145 e 146 1.4 Twin Spark 16V L (allestimento Medio);
  • Alfa 145 e 146 1.6 Twin Spark 16V L (allestimento Ricco);
  • Alfa 145 e 146 1.8 Twin Spark 16V L (allestimento Ricco);
  • Alfa 145 e 146 1.9 JTD (allestimento Base);
  • Alfa 145 e 146 1.9 JTD L (allestimento Ricco);
  • Alfa 145 2.0 Twin Spark 16v Quadrifoglio (allestimento Sportivo).
  • Alfa 146 2.0 Twin Spark 16v ti (allestimento Sportivo).


Cresce il controvalore

Sul mercato, le Alfa 145 e 146 sono da sempre apprezzate per la linea giovane e sportiva, per il temperamento dinamico e brillante, per la maneggevolezza e l'affidabilità. A queste ben note caratteristiche, le versioni della gamma '99 aggiungono ora un maggior controvalore, dote particolarmente importante per modelli destinati a competere in uno dei segmenti più combattuti del mercato europeo.

Si tratta dell'airbag per il passeggero, completo di sensore di presenza, degli airbag laterali e dei fari alogeni (a richiesta per alcuni mercati e di serie per altri). Dotazioni importanti che si aggiungono a: airbag per il guidatore, ABS (nei mercati principali), impianto antincendio FPS, barre laterali anti-intrusione e pretensionatori, già di serie su tutte le versioni.

E si tratta anche di una serie di aggiornamenti estetici interni ed esterni che, senza alterare l'originalità della linea (da sempre uno dei punti di forza del Marchio), ne rendono più accattivante ed attuale l'immagine.

Alcuni particolari, ad esempio, sono ora verniciati nella stessa tinta della carrozzeria. Si tratta dei paraurti, che cambiano anche forma e hanno una diversa bocca per la presa dell'aria, di colore nero. E, per le versioni "L", delle minigonne, degli specchietti e delle maniglie.

Diversi i fendinebbia e la mascherina del radiatore, che è la stessa per tutti e due i modelli. E' stato dato, inoltre, maggior risalto al logo Alfa, colorato sulle coppe delle ruote e sui cerchi in lega. Sulle versioni sportive (Alfa 145 Quadrifoglio e Alfa 146 ti) è montato uno spoiler posteriore, dotazione inedita per la tre porte.

Le novità non finiscono qui. Anche la gamma dei colori di carrozzeria, infatti, è stata ampliata. Ora il cliente ha la possibilità di scegliere tra ben 16 tinte, nove delle quali completamente nuove. Sono il Verde Artic, il Grigio Africa e il Verde Minerva, comuni a entrambi i modelli. E poi: il Blu Vela, il Grigio Martora e il Nero Fuoco per Alfa 146; oltre che l'Azzurro Fantasia, il Blu Cosmo e il Giallo Zoe per Alfa 145.

Invariati il Rosso Alfa, il Rosso Proteo, il Blu Atollo, il Grigio Chiaro e il Nero (comuni a tutte e due le vetture), il Blu Sirio (riservato ad Alfa 145) e il Bianco Polare dedicato ad Alfa 146 (quest'ultimo in alcuni mercati è disponibile anche per Alfa 145).

Si arricchiscono e diventano ancora più funzionali pure gli interni delle nuove Alfa 145 e Alfa 146. Le soluzioni proposte sono diverse a seconda dell'allestimento scelto. La mostrina centrale, per esempio, è nera per l'allestimento Base e per il Pack Sport, di color titanio nelle versioni "L", e in "cubic" Mogano per il Pack Lusso.

La cornice degli strumenti e le bocchette dell'aria sono ora cromate, così come le maniglie interne, il pulsante del freno a mano e la cornice del pomello del cambio. Particolarmente curati i rivestimenti dei sedili, in tessuto o velluto bicolore, in pelle, o in tessuto sportivo, a seconda delle versioni. Per le versioni Quadrifoglio e ti, infine, è stato disegnato anche un nuovo volante, in pelle microforata e con cuciture rosse, che rispetta pienamente la tradizione sportiva Alfa.

Latest Videos

Advanced Search

Search...

From
To
Search

Related images


x

Rights of use

The texts and images and the audio and video documents made available on media.fcaemea.com are for reporting purposes on social media networks, or by journalists, influencers and media company employees as a source for their own media editorial activities.

The texts, images and the audio and video documents are not for commercial use and may not be passed on to authorized third parties.

In addition, see Terms and conditions of access http://www.fiatpress.com/info/terms-and-conditions

    I have read and agree.